• dr. Simone Iannone

COVID E VITAMINA C, FUNZIONA? - COSA DICONO GLI STUDI


Tutti sanno che la vitamina C è importante per l'immunità. Le vendite di arance e compresse di vitamina C sono aumentate notevolmente durante la pandemia di Covid. In effetti, una revisione di dodici studi, inclusi cinque studi randomizzati controllati "standard di riferimento", mostra che questa semplice vitamina salva vite se somministrata nella giusta dose. La vitamina C può prevenire una grave infezione da Covid. L'evidenza scientifica è chiara: la vitamina C può ridurre i sintomi del Covid e la durata della malattia.


Allora perché non ci viene detto di integrare con la vitamina C?

La revisione dei dodici studi, che include cinque studi randomizzati controllati, è pubblicata sulla rivista Life [www.vitaminC4covid.com/12trialreview] La revisione è stata effettuata e finanziata da VitaminC4Covid, un consorzio di esperti di vitamina C tra cui la dott.ssa Marcela Vizcaychipi della Facoltà di Medicina dell'Imperial College di Londra, la Professoressa Associata Anitra Carr che dirige il gruppo Nutrizione in Medicina presso l'Università di Otago e il Dr Paul Marik, capo della Divisione di Medicina polmonare e di terapia intensiva, Eastern Virginia Medical School. Gli studi mostrano che i pazienti Covid hanno impoverito i loro livelli di vitamina C, spesso al livello riscontrato nello scorbuto. Nei pazienti con polmonite grave, un livello di vitamina C impoverito aumenta notevolmente il rischio di danni diffusi agli organi interni e di morte. Hanno bisogno di dosi sostanziali di vitamina C per riprendersi e sopravvivere.

Il dottor Vizcaychipi, che dirige la ricerca in medicina di terapia intensiva presso il Chelsea & Westminster Hospital del Regno Unito, ha somministrato ai pazienti Covid e non Covid nelle loro unità di terapia intensiva fino a 6 grammi (6.000 mg) di vitamina C per via endovenosa. Il dosaggio dipende dalla gravità della malattia e dalla quantità necessaria per correggere la carenza

"La vitamina C è certamente uno dei molteplici fattori che contribuisce a risultati migliori e velocità di recupero. Dovrebbe essere una pratica standard. Non abbiamo avuto alcun problema di sicurezza" dice il dottor Vizcaychipi.


Negli Stati Uniti, un gruppo di medici, membri della Frontline Covid Critical Care Alliance (www.flccc.net) ha più che dimezzato la mortalità nelle proprie unità di terapia intensiva utilizzando un protocollo di steroidi (metilprednisolone), vitamina C (acido ascorbico), vitamine B1 (tiamina), D e anticoagulanti (eparina) - una strategia nota come MATH+. Questo protocollo è stato sperimentato dai dottori Paul Marik, Pierre Kory e Joseph Varon, un esperto di terapia intensiva riconosciuto dalle Nazioni Unite per il suo lavoro salvavita. Attualmente, al dottor Marik, direttore dell'unità di terapia intensiva del Sentara Norfolk General Hospital, è stato vietato da Senatra Health di utilizzare questo protocollo salvavita sicuro ed efficace per la falsa ragione della mancanza di prove. Li sta citando in giudizio. "Questo caso riguarda i medici, che hanno la capacità di onorare il loro giuramento di Ippocrate, di seguire la medicina basata sull'evidenza e di trattare i nostri pazienti nel miglior modo possibile. Mi rifiuto di guardare un altro paziente morire di COVID-19 sapendo che non ho il permesso di somministrare loro trattamenti comprovati che avrebbero potuto salvare loro la vita". Ciò che mostra la revisione di 12 studi clinici è che "la vitamina C per via endovenosa può migliorare i parametri di ossigenazione, ridurre i marcatori infiammatori, ridurre i giorni di degenza in ospedale e ridurre la mortalità, in particolare nei pazienti più gravi". Ciò che è notevole della vitamina C è che è un antiossidante, un antivirale e anche un antinfiammatorio. È un difensore tre in uno impressionante. Nessun evento avverso è stato segnalato in nessuno studio clinico pubblicato sulla vitamina C in pazienti COVID-19. La revisione mostra anche che alte dosi di vitamina C per via orale assunte in caso di infezione possono tenere le persone fuori dall'ospedale.

Secondo Carr "dosi orali di 8 grammi al giorno hanno dimostrato di aumentare il tasso di guarigione dall'infezione sintomatica del 70%. Per i pazienti più critici, gli studi che utilizzano dosi di 6-24 g al giorno per via endovenosa hanno mostrato benefici positivi in ​​termini di aumento della sopravvivenza e riduzione della degenza ospedaliera, miglioramento dell'ossigenazione o riduzione dell'infiammazione". Ci vogliono venti arance per fornire un totale di un solo grammo di vitamina C, quindi queste dosi richiedono un'integrazione. La revisione include diversi studi che mostrano che "i pazienti con infezioni respiratorie gravi hanno lo stato di vitamina C impoverito, con la prevalenza della carenza che aumenta con la gravità della condizione".


In uno studio, i livelli di vitamina C hanno predetto chi sarebbe sopravvissuto o chi non sarebbe sopravvissuto. È stato riportato che i livelli plasmatici di vitamina C sono molto bassi nel 70-80% dei pazienti Covid. Ciò che è chiaro è che sono necessari diversi grammi, non solo un bicchiere di succo d'arancia, per correggere una grave carenza di vitamina C. Per oltre un anno, il team di VitaminC4covid ha invitato i consulenti del governo a svolgere un'adeguata revisione delle prove per la vitamina C, al fine di informare il pubblico e la professione medica. Ma sembra esserci un doppio standard. La promessa a coloro che sostengono trattamenti non farmacologici come le vitamine è stata effettivamente: "Prova con le prove e le tratteremo come qualsiasi altra medicina". Le prove sono ormai innegabili.

Ci si chiede, perché non viene detto alle persone di assumere alte dosi di vitamina C in caso di infezione?

E perché non tutti gli ospedali controllano lo stato della vitamina C come misura di routine e agiscono di conseguenza? La vitamina C è sicura, economica, disponibile e ora ha dimostrato di funzionare.

Buona vita!

209 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti