• dr. Simone Iannone

CORONAVIRUS INFEZIONI E VITAMINA C, COSA DICONO GLI STUDI



COVID-19, o SARS-CoV-2, è una malattia da coronavirus, classificata come influenza, anche se i coronavirus possono anche indurre raffreddori, entrambi sono infezioni delle vie respiratorie superiori. Le conseguenze dell'infezione possono essere polmonite, ricovero in unità di terapia intensiva, ventilazione meccanica spesso come conseguenza della tempesta/sepsi delle citochine e conseguente insufficienza e morte degli organi. Gli studi sulla vitamina C e una qualsiasi delle condizioni di cui sopra sono rilevanti per le decisioni relative all'idoneità dell'uso della vitamina C per la prevenzione del COVID-19, come potenziale terapia e per ulteriori ricerche.


· Vitamina C per la prevenzione del coronavirus


Uno studio controllato con placebo nel Regno Unito illustra meglio la differenza clinica significativa tra il numero di raffreddori, la durata e la gravità. Un gruppo di 168 volontari sono stati randomizzati per ricevere un placebo o un integratore di vitamina C, due compresse 500mg al giorno, in un periodo di 60 giorni tra novembre e febbraio. I ricercatori hanno utilizzato una scala di cinque punti per valutare la loro salute e hanno registrato eventuali infezioni e sintomi del raffreddore comuni in un diario giornaliero. Rispetto al gruppo placebo, il gruppo di trattamento della vitamina C aveva meno raffreddori (37 vs 50). La vitamina C ha anche ridotto il numero di partecipanti che hanno avuto 2 raffreddori durante la loro prova (2/84 sulla vitamina C vs 16/84 nel gruppo placebo; P - .0004). [1] E in una meta-analisi del 2013 di 29 studi controllati con 11.306 partecipanti, Hemilè ha mostrato che la vitamina C ha accorciato e alleviato i sintomi che si sono verificati durante il periodo della somministrazione della vitamina C. Negli adulti la durata delle infezioni è stata ridotta dell'8% (circa mezza giornata) e nei bambini del 14% (circa 1 giorno). [2]


· La dose è importante


L'evidenza di una significativa riduzione della durata e della gravità dei raffreddori è maggiore e più coerente con un'assunzione di 2.000 mg o più al giorno. Dato che il COVID-19 è spesso molto più grave delle infezioni alle prime vie aeree ordinarie, le stime di cui sopra potrebbero giustificare un regolare aumento dell'assunzione giornaliera di vitamina C di almeno 3.000 mg/giorno (in dosi divise) mentre la prevalenza di COVID-19 è alta, e ancora di più durante un'infezione. Supplementi di altri nutrienti essenziali possono anche contribuire a ridurre il rischio di infezione; vitamina D (4000 IU/giorno), magnesio (400 mg/giorno) e zinco (20 mg/giorno) sono raccomandati. [3-5]

· Vitamina C per il trattamento del coronavirus - assunzione di vitamina C durante l'infezione

Mentre una quantità relativamente piccola di vitamina C è sufficiente per le persone sane, il suo uso efficace dipende da quanto è necessario per sostenere il sistema immunitario. Quando una persona è infetta, l'importo richiesto aumenta drammaticamente. Ciò è illustrato dall'esaurimento dei livelli di vitamina C nei leucociti, critici per la risposta immunitaria, durante il raffreddore e l'influenza. Queste cellule immunitarie normalmente hanno più di 10 volte livelli di vitamina C rispetto ad altre cellule. Un'assunzione di 6 g/giorno ha dimostrato di ripristinare i normali livelli di vitamina C nei leucociti durante il raffreddore. [6] Ciò suggerisce che simili dosi giornaliere possono essere necessarie per avere un effetto di riduzione dei sintomi. Studi che danno 3 vs 6 [7] o 4 vs 8 g/giorno [8] hanno dimostrato più alta è la dose maggiore l'effetto con una diminuzione del 20% della durata del freddo con 6 a 8 g/giorno. Ciò equivale a raffreddori più brevi di 1,5 o 2 giorni.

Tuttavia, il 46% di coloro che prendono 8 g / giorno nel primo giorno di un raffreddore sono liberi dai sintomi dopo 24 ore. I rapporti di caso indicano un effetto maggiore con dosi di 15 g/giorno, titolando la dose a livelli di "tolleranza intestinale". Durante un'infezione la maggior parte delle persone può tollerare 1 g/ora senza diarrea. Questa è stata la raccomandazione del Dr. Linus Pauling - per iniziare con una dose di carico di 2.000 - 3.000 mg, quindi prendere 1,000 mg/ora fino a quando i sintomi scompaiono.

· Vitamina C per pazienti ospedalizzati e in terapia intensiva con polmonite, sepsi o COVID-19

Il supplemento di vitamina C è stato dimostrato efficace, anche a basse dosi tra 200 mg e 1600 mg/giorno, nel ridurre l'incidenza, accelerare il recupero e ridurre la mortalità in soggetti con polmonite. [10,11] Un recente studio condotto da Carr ha riportato lo stato di vitamina C nel plasma esaurito (23 mol/L) in 44 pazienti ricoverati in ospedale con polmonite, rispetto ai controlli sani (56 mol/L). [12] I pazienti più gravi in terapia intensiva avevano livelli in media di 11 mol/L, che è il livello che definisce lo scorbuto.

Marik ha riportato risultati simili in 22 pazienti in terapia intensiva con sepsi con livelli di 14,1 mol/L [13] e raccomanda di dare 1,5 g di vitamina C ogni 6 ore per via endovenosa. Marik ha anche riferito che tutti i pazienti COVID-19 in terapia intensiva finora testati dal suo gruppo (Frontline Covid-19 Critical Care - FLCCC) hanno livelli carenti o non rilevabili di vitamina C sufficienti per diagnosticare lo scorbuto. [15]

Vizcaychipi, al Chelsea and Westminster NHS Hospital, usando 1g di vitamina C ogni 12 ore, ha riportato un tasso di mortalità (25,1% nelle femmine e 38,2% nei maschi) inferiore del 21% rispetto alla media nazionale del Regno Unito (dati ICNARC) del 49%, risparmiandone così una vita su cinque. [16]

· Vitamina C per prevenire o ridurre il ricovero in terapia intensiva, la ventilazione meccanica e la mortalità

Una delle principali cause di preoccupazione per il COVID-19 è la percentuale relativamente elevata di casi che richiedono un trattamento con unità di terapia intensiva (ICU). La meta-analisi di Hemil, di 12 studi con 1.766 pazienti non COVID in terapia intensiva, ha rilevato che la vitamina C ha ridotto la terapia intensiva dell'8%. Un'altra meta-analisi di otto studi ha rilevato che la vitamina C ha ridotto la durata della ventilazione meccanica nei pazienti che richiedevano la ventilazione più lunga. [18]

Ci sono prove che i livelli di vitamina C diminuiscono precipitosamente nei pazienti critici, e che la somministrazione di una dose appropriata può ridurre drasticamente le complicazioni e la mortalità. Anche se 100 mg/giorno di vitamina C possono mantenere un normale livello di plasma in una persona sana, sono necessarie dosi molto più elevate (1.000 - 4.000 mg/giorno) per aumentare i livelli di vitamina C al plasma di pazienti critici all'interno della gamma normale. [20]

Uno studio randomizzato controllato con placebo a Wuhan di pazienti in terapia intensiva ventilati meccanicamente a cui è stato somministrato 12 g di vitamina C due volte al giorno o placebo d'acqua sterile in una flebo salina, ha mostrato risultati preliminari di mortalità del 24% sul gruppo di vitamina C rispetto al 35% nel gruppo placebo. Lo studio ha mostrato risultati significativi nella riduzione del marcatore infiammatorio IL-6 e della mortalità in quelli con il peggior indice di funzione polmonare (PF < 150). [22]


· Conclusione

Una varietà di studi ha dimostrato che integratori orali ad alta dose di vitamina C e altri nutrienti essenziali come vitamina D, magnesio e zinco, possono ridurre il rischio di infezione virale e di COVID-19 e ridurre efficacemente l'intensità delle infezioni.


67 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

DIABETE